Presentazione

Descrizione del corso

Il corso di laurea magistrale in Antropologia e linguaggi dell'immagine offre la possibilità di una specializzazione pienamente disciplinare, grazie alla presenza di una differenziata offerta di insegnamenti antropologici di taglio classico, che vertono però sui temi emergenti della contemporaneità, e allo stesso tempo di praticare percorsi interdisciplinari, in particolare quelli rivolti alle pratiche artistiche, comunicative, alle rappresentazioni culturali, sperimentando un originale intreccio con l'area dei visual studies, grazie agli apporti della semiologia, della sociologia qualitativa, delle discipline dello spettacolo.

Con l’obiettivo di assecondare il più possibile percorsi formativi individualizzati, il corso si struttura su due curriculum: Antropologia e ricerca sociale, aperto alle discipline sociologiche, statistiche, economiche, e Antropologia dell’immagine e dello spettacolo, orientato, invece, ai visual studies ed alla lettura antropologica delle pratiche espressive.

In entrambi, il primo anno è orientato all’acquisizione delle competenze antropologiche orientate in senso curricolare, degli strumenti interdisciplinari comuni ed all'avvio del percorso di specializzazione individuale. Il secondo anno, oltre al completamento della formazione antropologica ed alla definizione del percorso formativo prescelto, prevede un ampio spazio riservato alla ricerca per la tesi di laurea, alla quale sono destinati 6 crediti, a copertura dell’impegno etnografico e/o documentale, e 27 crediti per l’elaborato di tesi.

Il Corso si rivolge a tutti i laureati di primo livello nei settori delle scienze umane e delle scienze sociali, che possano contare su una solida base generale di ambito umanistico antropologico, sociologico, storico, artistico, filosofico, letterario, politologico, economico.